IN CERCA

In occasione dell’Anno della Fede, proclamato da Papa Benedetto XVI nell’ottobre 2011, la Parrocchia di San Domenico in Airola (Benevento) organizza il cineforum “In cerca. Religione, spiritualità, identità in quattro film”, a cura di Mario Tirino e Nando Mango, che si propone quale luogo di esperienza visiva e dibattito, religioso e civile allo stesso tempo, sulle testimonianze di fede nella contemporaneità.

Primo appuntamento lunedì 12 novembre, a partire dalle ore 20, con “Uomini di Dio” (Des hommes et des deux, 2010) del regista francese Xavier Beauvois. Tutti i film saranno proiettati presso il salone parocchiale in via Principe di Napoli, con inizio alle ore 20 e ingresso gratuito sino ad esaurimento posti.

IL CINEFORUM.
Ciascuno dei film scelti sviluppa un tema della Fede, dal dialogo interreligioso alla semplicità dei gesti delle opere, passando per l’ascetismo e l’opposizione al giogo mafioso. Temi che non esauriscono, ovviamente, l’ampio spettro delle tematiche in cui si esplica la pratica religiosa cristiana, ma ne rappresentano, tuttavia, esempi di grande valore nei tempi incerti segnati dalla crisi (economica, sociale, culturale). Il cineforum, lungi dal rappresentare un evento confessionale, si configura come spazio di dialogo, attraverso il quale confrontare opinioni, punti di vista e argomentazioni differenti, nell’ottica del dubbio come fondamento di una rinnovata spiritualità.

IL FORMAT.
Ciascun appuntamento si compone di una presentazione filmica, curata da Mario Tirino, che evidenzierà gli elementi estetico-linguistici cinematografici, e, al termine della proiezione, di un commento pastorale a cura dei Frati Minori della Provincia Sannito-Irpina. Per il primo film, sarà fra Roberto D’Orazio a scandagliare i numerosi spunti di “Uomini di Dio”.

IL PROGRAMMA.
“Uomini di Dio” sarà seguito da un evento al mese. Il 10 dicembre sarà la volta di “Alla luce del sole” (di Roberto Faenza, 2005), dedicato alla storia di Don Pino Puglisi, sul tema dei “testimoni civili”, con approfondimento a cura di fra Sabino Iannuzzi Ministro Provinciale dei Frati Minori del Sannio e dell’Irpinia. Lunedì 14 gennaio 2013 fra Antonio Latella commenterà il terzo film, Into the Wild (Sean Penn, 2007), incentrato sulle tematiche dell’ascetismo, del nomadismo e della ricerca identitaria. La rassegna si chiuderà lunedì 11 febbraio 2013 con “Centochiodi” del maestro Ermanno Olmi (2007), sulla testimonianza di fede nei gesti e nelle opere, approfondita dall’intervento di fra Antonio Tremigliozzi.

Leggi tutto

CALENDARIO 2012 – 2013

Clicca sull’immagine per scaricare il CALENDARIO PARROCCHIALE contentente tutti gli impeni per l’Anno della Fede.

LETTERA DEL PARROCO ALLE FAMIGLIE DEL CATECHISMO

Cari genitori,iniziando questo nuovo anno catechistico, anno speciale, dichiarato tale dal Papa Benedetto XVI come “Anno della Fede” il parroco e le catechiste vi porgono i più sentiti saluti.Vi ricordo che la vita dei vostri figli vi appartiene perché l’avete generata e con tanta tenerezza e premura la custodite. Non dimenticate, però, il grande dono che il buon Dio vi ha fatto, perché ogni vita proviene da Dio stesso. Inoltre voi siete custodi di essi e i primi educatori.Ma insieme a voi vogliono collaborare: la parrocchia, la scuola, e tutte le altre strutture esistenti sul territorio.La parrocchia attende i vostri figli perché ha qualcosa da offrire: una proposta educativa per la loro crescita religiosa e guidarli verso una maturazione della fede.Ogni sabato dalle ore 15.30 alle ore 16.30 (primo turno) e dalle ore 16.30 alle ore 17.30 (secondo turno), sarete voi non solo ad accompagnare i vostri piccoli al catechismo, ma sarebbe cosa gradita ed altamente educativa fermarvi per la preghiera iniziale e finale.
Il parroco e le catechiste vi ringraziano per la vostra collaborazione e la vostra presenza, che saprete offrire.

Il Parroco
P. Luciano Benedetto

PELLEGRINAGGIO ROMA

Tra le iniziative dell’anno della Fede la parrocchia organizza un pellegrinaggio a Roma nel centro della Cristianità. Clicca sull’immagine per vedere il programma

WINFORLIFE

Le iniziative parrocchiali per l’anno della fede sono inserite nel Winforlife: VINCI PER LA VITA. È ormai comune il gioco del “winforlife”: tutti sanno giocarlo! In qualunque rivendita anche le persone anziane sfidano la sorte giocando numeri sperando che siano quelli giusti. Basta! Giocare fa male al corpo e alla tasca! Nessuno mai si è arricchito giocando! L’unica cosa da mettere in gioco è la nostra vita: “chi perderà la propria vita per me e per il Vangelo – dice il Signore – la vincerà!”. Questa è la vera vittoria frutto della nostra fede! Vi invitiamo, allora, a leggere il programma di quest’anno e a partecipare alle varie iniziative che vi proponiamo.

 

CLICCA SULL’IMMAGINE PER VISUALIZZARE TUTTO IL PROGRAMMA

ANNO DELLA FEDE

Indulgenza Plenaria nell’Anno della Fede

08895_24042011

Il Santo Padre Benedetto XVI concederà ai fedeli l’indulgenza plenaria nell’Anno della Fede che sarà valida dalla data di apertura (11 ottobre 2012 fino alla data di chiusura, il 24 novembre 2013), come si legge in un decreto reso pubblico oggi, a firma del Cardinale Manuel Monteiro de Castro, Penitenziere Maggiore e del Vescovo Krzysztof Nykiel, Reggente della Penitenziera Apostolica.

“Nel giorno del cinquantesimo anniversario dalla solenne apertura del Concilio Ecumenico Vaticano II – si legge nel Decreto – il Sommo Pontefice Benedetto XVI ha stabilito l’inizio di un Anno particolarmente dedicato alla professione della vera fede e alla sua retta interpretazione, con la lettura, o meglio, la pia meditazione degli Atti del Concilio e degli Articoli del Catechismo della Chiesa Cattolica”.

“Poiché si tratta anzitutto di sviluppare in sommo grado – per quanto è possibile su questa terra – la santità di vita e di ottenere, quindi, nel grado più alto la purezza dell’anima, sarà molto utile il grande dono delle Indulgenze, che la Chiesa, in virtù del potere conferitole da Cristo, offre a tutti coloro che con le dovute disposizioni adempiono le speciali prescrizioni per conseguirle”.

“Durante tutto l’arco dell’Anno della fede, indetto dall’11 Ottobre 2012 fino all’intero 24 Novembre 2013, potranno acquisire l’Indulgenza plenaria della pena temporale per i propri peccati impartita per la

misericordia di Dio, applicabile in suffragio alle anime dei fedeli defunti, tutti i singoli fedeli veramente pentiti, debitamente confessati, comunicati sacramentalmente, e che preghino secondo le intenzioni del Sommo Pontefice.

a. – Ogniqualvolta parteciperanno ad almeno tre momenti di predicazione durante le Sacre Missioni, oppure ad almeno tre lezioni sugli Atti del Concilio Vaticano II e sugli Articoli del Catechismo della Chiesa Cattolica, in qualsiasi chiesa o luogo idoneo;

b .- Ogniqualvolta visiteranno in forma di pellegrinaggio una Basilica Papale, una catacomba cristiana, una Chiesa Cattedrale, un luogo sacro designato dall’Ordinario del luogo per l’Anno della fede (ad es. tra le Basiliche Minori ed i Santuari dedicati alla Beata Vergine Maria, ai Santi Apostoli ed ai Santi Patroni) e lì parteciperanno a qualche sacra funzione o almeno si soffermeranno per un congruo tempo di raccoglimento con pie meditazioni, concludendo

con la recita del Padre Nostro, la Professione di Fede in qualsiasi forma legittima, le invocazioni alla Beata Vergine Maria e, secondo il caso, ai Santi Apostoli o Patroni;

c. – Ogniqualvolta, nei giorni determinati dall’Ordinario del luogo per l’Anno della fede (ad es. nelle solennità del Signore, della Beata Vergine Maria, nelle feste dei Santi Apostoli e Patroni, nella Cattedra di San Pietro), in qualunque luogo sacro parteciperanno ad una

solenne celebrazione eucaristica o alla liturgia delle ore, aggiungendo la Professione di Fede in qualsiasi forma legittima;

d. – un giorno liberamente scelto, durante l’Anno della fede, per la pia visita del battistero o altro luogo, nel quale ricevettero il sacramento del Battesimo, se rinnoveranno le promesse battesimali in qualsiasi formula legittima.

I Vescovi Diocesani o Eparchiali, e coloro che nel diritto sono ad essi equiparati, nel giorno più opportuno di questo tempo, in occasione della principale celebrazione (ad es. il 24 Novembre 2013, nella solennità di Gesù Cristo Re dell’Universo, con la quale si chiuderà

l’Anno della fede) potranno impartire la Benedizione Papale con l’Indulgenza plenaria, lucrabile da parte di tutti fedeli che riceveranno tale Benedizione devotamente.

Il Decreto si conclude ricordando che tutti i fedeli che “per malattia o gravi motivi” non possono uscire di casa, potranno ottenere l’indulgenza plenaria “se, uniti con lo spirito e con il pensiero ai fedeli presenti, particolarmente nei momenti in cui le Parole del Sommo Pontefice o dei Vescovi Diocesani verranno trasmesse per televisione e radio, reciteranno nella propria casa o là dove l’impedimento li trattiene il Padre Nostro, la Professione di Fede in qualsiasi forma legittima, e altre preghiere conformi alle finalità dell’Anno della fede, offrendo le loro sofferenze o i disagi della propria vita.


Clicca qui pèer visualizzare la lettera apostolica – PORTA FIDEI – con la quale si indice l’anno della fede

XIII CONVEGNO PASTORALE

E’ iniziato ieri, 12 settembre 2012, presso il “Centro Emmaus” di Cerreto Sannita, il XIII Convegno Pastorale dal tema: “TENENDO FISSO LO SGUARDO SU GESU’ AUTORE E PERFEZIONATORE DELLA FEDE”

Don Luciano Meddi ha dato inizio ai lavori con una relazione sul “CREDERE IN GESU’ CRISTO”, introducendo, così, l’anno della Fede che ci appresteremo a vivere a partire dall’11 ottobre prossimo.



La chiesa evangelizza «evangelizzando» se stessa. Il cammino di fedeltà al Vangelo è continuo e ogni generazione deve evangelizzare il proprio tempo e la propria cultura.
Anche attraverso la testimonianza ma soprattutto cercando capire i segni dei tempi
Viviamo quindi un tempo di Nuova Evangelizzazione riscoprendo e «riadeguando» la nostra fede.

Benedetto XVI ci invita a celebrare un «anno della fede» perché «Capita ormai non di rado che i cristiani si diano maggior preoccupazione per le conseguenze sociali, culturali e politiche del loro impegno, continuando a pensare alla fede come un presupposto ovvio del vivere comune. In effetti, questo presupposto non solo non è più tale, ma spesso viene perfino negato» (Porta Fidei, n. 2).

Un «anno della fede» in cui «terremo fisso lo sguardo su Gesù Cristo, “colui che dà origine alla fede e la porta a compimento” (Eb 12,2) in lui trova compimento ogni travaglio ed anelito del cuore umano. La gioia dell’amore, la risposta al dramma della sofferenza e del dolore, la forza del perdono davanti all’offesa ricevuta e la vittoria della vita dinanzi al vuoto della morte, tutto trova compimento nel mistero della sua Incarnazione, del suo farsi uomo, del condividere con noi la debolezza umana per trasformarla con la potenza della sua Risurrezione. In lui, morto e risorto per la nostra salvezza, trovano piena luce gli esempi di fede che hanno segnato questi duemila anni della nostra storia di salvezza» (PF., n. 13).

Temi

1. l’esperienza religiosa di Gesù di Nazareth
2. credere in Gesù Cristo
3. suscitare la fede: le forme dell’annuncio
4. far crescere la fede: le conversioni pastorali



Il convegno si concluderà venerdì 14 settembre.


Clicca qui per visualizzare la relazione di Don Luciano

Clicca qui per visualizzare l’introduzione ai lavori di Mons. Michele De Rosa